Tag Archives: tom waits

Hellhound on my trail

31 Gen

Robert Johnson ha venduto l’anima al Diavolo dei Crocicchi, o forse erano i Lari Compitales, o forse era Ecate vestita da mendicante. Sicuramente con questa storia ci si è mantenuto quasi una decina d’anni, di blues sporco e di chitarra, fino ad una morte per circostanze incerte. Forse se lo sono davvero venuti a prendere i mastini. Forse si è beccato una coltellata perché aveva la lingua lunga, forse ha bevuto dalla bottiglia sbagliata – ma quale blasfemo avvelenerebbe il tuo whisky, specialmente quando potrebbe conteggiare i giorni che ti separano dalla cirrosi epatica? Greil Marcus racconta dieci fatti della sua vita senza alcun ancoraggio con la realtà ed il mio preferito riguarda una donna con gli occhi rivolti al cielo e un uomo con una lingua peggiore della sua. Zora Neale Hurston saw him playing on the street in Harlem; she introduced him to Langston Hughes. The three read and sang back and forth until Hughes wrote in his journal, “We all wanted to be each other.”

Ci sono persone che andrebbero ricordate così, come si sono inventate o come qualcun altro le ha immaginate, ascoltando dischi, preferibilmente a notte fonda, preferibilmente con una sigaretta in bocca. Tom Waits è un altro che ama raccontare tutto senza rivelare niente, I never told the truth so I can never tell a lie, lasciando che alla sua nascita si possano associare sedili posteriori di un taxi e una voce già arrochita, e quel suono sembra fatto per i frame fissi in bianco e nero dei bar con il pavimento appiccicoso e i mozziconi aranciati delle sigarette di puro tabacco americano abbandonati ovunque come bossoli, ma anche per l’asfalto bagnato di pioggia e la colazione all’alba e tutti quei sentimenti più caldi di gente che passa le serate tremando accanto alla persona che ama, perché sono giorni di rose. E a ben guardarlo il Diavolo dei Crocicchi potrebbe essere lui, con quel cappello di traverso e quel sorriso tutto gengive, ma soprattutto con una voce che ti scioglie la spina dorsale e l’abilità di fare delle parole quello che vuole, sempre.